PRECEDENTE SUCCESSIVO

Perché scegliere bio

I danni devastanti derivanti da un eccessivo uso di prodotti chimici in agricoltura

29 Marzo 2017 -

Una analisi del perchè i prodotti chimici, in agricoltura, comportano danni importanti se usati in quantità eccessive.

Viene chiamato pesticida o fitofarmaco ogni sostanza chimica che viene utilizzata per distruggere gli insetti infestanti, le muffe, i parassiti e le malerbe.

Questi sono i principali raggruppamenti
- anticrittogamici: per combattere funghi, batteri e virus;
- insetticidi: per combattere gli insetti;
- diserbanti: per combattere piante spontanee;
- acaricidi: per combattere gli acari;
- repellenti;
- fungicidi: per combattere le malattie funginee.

L'Italia risulta essere uno dei paesi in cui l'uso di pesticidi è più massiccio:
175.000 tonnellate, cioè circa 3 kg a testa. Secondo alcuni studi solo una piccola parte di queste sostanze (circa lo 0,1%) raggiunge il bersaglio sulle piante, mentre il resto produce effetti dannosi sia per l'ambiente che per le persone.

Ma quali sono i principali reali effetti causati dall’uso dei fitofarmaci?


 

1) Danni a carico dell’operatore agricolo, causati da intossicazione acuta o cronica.

L’intossicazione acuta si può verificare contingentemente alla preparazione o alla distribuzione del prodotto in modo improprio. L’intossicazione cronica si può manifestare con alterazioni a livello fisiologico e può essere responsabile di effetti cancerogeni.




2) Danni a carico del consumatore in seguito all’ingestione di prodotti vegetali contaminati dai fitofarmaci.

La contaminazione può essere diretta (ingestione prodotti trattati in campo e per la conservazione) o indiretta a causa dell’assorbimento da parte delle colture di acqua da falde inquinate con prodotti fitosanitari. I possibili rischi del consumatore possono sorgere, a lungo termine, oltre che mangiando i prodotti agricoli che si sono “nutriti” dei residui di pesticidi (attraverso il terreno e l’acqua contaminata), anche in seguito al consumo di alimenti di origine animale contaminati quali carni, latte e derivati.

 

3) Inquinamento.

Soltanto una minima parte del prodotto fitosanitario raggiunge l’organismo agente di danno. Una buona percentuale rimane nelle piante trattate, in parte finisce nel terreno con il dilavamento degli organi vegetali e con i residui di coltura, in parte migra nell’ambiente circostante per ruscellamento. Molti fitofarmaci, come i diserbanti, vengono poi applicati direttamente al suolo stesso. Dal terreno i fitofarmaci possono essere mobilizzati con i fluidi idrici ed arrivare ai corpi d’acqua superficiali e profondi (falda acquifera) fuoriuscendo dall’agroecosistema stesso.

PRODOTTI IN EVIDENZA:

Saver prodotto naturale per la lotta ai patogeni fungini

SAVER 250ml

La risposta naturale ai patogeni fungini
Frame bottle 500

FRAME

Le micorrize per le tue radici
Tender Prodotto Biologico per la lotta agli afidi

TENDER 250ml

Guardia agli Afidi